Category Archives: Le nostre ricette

SICILIA,PALERMO: ARANCINI AL BURRO/RAGU’

 

 

Se andiamo a Palermo la chiamano "Arancina", se andiamo a Catania viene chiamata arancino, stiamo parlando dello stesso prodotto, a meno di piccole differenze, che è stato riconosciuto come specialità siciliana e inserita nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani (PAT)  del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. Chi non la conosceva l'aveva vista in TV tra le prelibatezze di Adelina di cui il Commissario Montalbano non riusciva proprio a farne a meno e in effetti sono uno street food veramente golosissimo.

L'arancina palermitana è tonda come un arancia mentre nel catanese risulta un pò più conica quasi a ricordare l'Etna. Per sanare la controversia sul nome tra Palermo e Catania è stata scomodata nientemeno che l'Accademia della crusca la quale ha espresso un proprio parere meramente linguistico stabilendo che se si parla di arancia, frutto dorato e tondo, il nome non può che essere femminile…contesa conclusa? Assolutamente no, però nel dubbio noi continuiamo a mangiare questo delizioso timballo di riso pensando alla bellissima isola da cui proviene.

 

 

I Muskittile (capunti) piatto delle Murge

Con le nevi invernali si usava fare una granita di neve e vincotto. Per combattere il freddo nelle murge, invece, si faceva un dolce fatto di pasta fatta a mano servita caldissima, i Muskittile, ancora una volta con il vincotto.

Questa preparazione è veramente semplice: si lessa la pasta fresca lasciandola al dente, poi si scola e si unisce in un tegame al vincotto.

IMG_20211129_203543

Baccalà in guazzetto

Tra le piacevoli sorprese che la cucina semplice e tradizionale di Velletri mi ha fatto scoprire un posto d'onore lo riservo al Baccalà in guazzetto. IMG_20211129_203543Il baccalà in guazzetto alla velletrana deriva certamente dalla tradizione culinaria  romana ed è un secondo piatto semplice e ricco di gusto, ideale da portare in tavola durante l’inverno sposandolo alla polenta. Una gustosissima variante del classico baccalà in umido cucinata con una ricca e abbondante salsa di pomodoro con cipolla, uvetta e pinoli, con cui fare la scarpetta a fine pasto. Peraltro se ne avanza una quantità sufficiente a condirci la pasta vi posso assicurare che è una vera chicca.

lasagna salmone

lasagna al salmone

Le lasagne sembra siano nate in Emilia Romagna e tradizione vuole che siano l'evoluzione delle romane Lagane. L'amica Paola, un pò bolognese, un pochetto brindisina e un tantino di Pomezia, ci ha proposto un piatto non tradizionale. Per dirla meglio una rivisitazione delle classiche lasagne, però con il salmone, pesce non molto presente nel mediterraneo se non quando trasportato….Devo dire che quando ci ha portato la lasagna, a una cena tra amici, è stata molto gradita e dopo pochi minuti la teglia giaceva vuota e priva del contenuto originale. In altri termini un primo piatto abbastanza leggero, ma gustoso senza presentare sapori troppo invadenti ma neanche troppo delicato: da provare….

Cattura1

Sicilia; I Cosi chini di Castelbuono

CatturaQuesta volta Italiano e genuino non è andato in Sicilia ma degli amici di Castelbuono, un delizioso paese delle Madonie, sono venuti a trovarci portando cose della loro tradizione legate alle feste natalizie. Cosi abbiamo scoperto i “Cosi Chini”, i cosi pieni facendo una traduzione a spanne, dei dolci tipici siciliani di pasta frolla ripieni ovviamente.

frico-2-1

Friuli: Frico di patate

 

Il Frico di patatefrico-1

Oggi voglio proporvi una ricetta tipicamente regionale dal Friuli Venezia Giulia, mia terra d’adozione da ormai 18 anni. La ricetta che vi propongo è quella del Frico, un piatto che si può proporre sia come secondo che come piatto unico, accompagnato da una bella polenta, e che è originario delle zone montane della Carnia. È un piatto che potete trovare praticamente in ogni sagra paesana e anche nei ristoranti friulani che propongono il cibo della tradizione; inoltre nel mese di agosto ci sono due sagre interamente dedicate al Frico, quella di Carpacco e quella di Flaibano, dove viene proposto in tre varianti: classico, alle erbe e piccante.

cattu

Torta di ricotta

La domenica era consuetudine che a casa, insieme a tutte le cose buone del pranzo domenicale, la mamma facesse il dolce  . Poi  ne tortaricottaavanzava un pò che rimaneva buono per la colazione nei giorni successivi. 

Era il dessert semplice che non aveva grandi pretese pasticcere ma rappresentava il dolce del giorno di festa: il classico ciambellone anche se il buco al centro non c'era……

Radicchio alla carolina

Il radicchio è un ortaggio che noi a casa consumiamo spesso , normalmente alla piastra o in padella , con la pasta o il risotto. Spesso, quando ci sono le pere, con scaglie di parmigiano e noci si fa un ottima insalata. Oggi vi vogliamo proporre un contorno minimale, una semplicissima maniera di dare più charme a una semplice insalata di radicchio.

diospero

Plumcake di Diospero (Cachi) con gocce di cioccolato

L'amico farmacista gourmet questa volta ci ha proposto un dolce abbastanza particolare, stiamo parlando di un preparato che vede l'utilizzo della polpa del Cachi o Diospero. 

Detto  Mela d'Oriente, fu definito dai cinesi l'albero delle sette virtù: infatti vive a lungo, dà molta ombra, offre agli uccelli la possibilità di nidificare fra i suoi rami, generalmente non è attaccato da parassiti, le sue foglie giallo-rosse in autunno sono bellissime e decorative fino ai geli, il legno dà  fuoco, e, in ultimo, la caduta del fogliame fornisce ricche sostanze concimanti. Intorno alla metà dell'Ottocento venne diffuso in America e Europa. In Italia fu introdotto nel 1880 e il suo successo fu da subito straordinario. Fu apprezzato, fra i primi, anche da Giuseppe Verdi che nel 1888 scrisse una lettera nella quale ringraziava chi gliene aveva fatto dono. In Italia  primi impianti specializzati vennero realizzati nel Salernitano, più in particolare nell'nocerino, a partire dal 1916, estendendosi poi alla Sicilia, dove venne selezionata la varietà acese (piccola e dolcissima, quasi selvatica), e poi in Emilia Romagna. Il cachi è oggi considerato "l'albero della pace", perché alcuni alberi sopravvissero al bombardamento atomico di Nagasaki nell'agosto 1945.

Alici al gratin

Alici al gratinali

Le alici sono quei graziosi pescetti che in enormi branchi argentei passano nei nostri mari e che si differenziano dalle acciughe da…niente perchè sono la stessa cosa. Molto spesso, nel parlare comune, con il termine acciughe si intendono i pesci interi conservati sotto sale, e con il termine alici gli stessi pesci sfilettati e messi sott’olio, ma alici e acciughe identificano esattamente lo stesso pesciolino che  può indifferentemente essere chiamato nell’uno o nell’altro modo.