lasagna al salmone

lasagna salmone

Le lasagne sembra siano nate in Emilia Romagna e tradizione vuole che siano l'evoluzione delle romane Lagane. L'amica Paola, un pò bolognese, un pochetto brindisina e un tantino di Pomezia, ci ha proposto un piatto non tradizionale. Per dirla meglio una rivisitazione delle classiche lasagne, però con il salmone, pesce non molto presente nel mediterraneo se non quando trasportato….Devo dire che quando ci ha portato la lasagna, a una cena tra amici, è stata molto gradita e dopo pochi minuti la teglia giaceva vuota e priva del contenuto originale. In altri termini un primo piatto abbastanza leggero, ma gustoso senza presentare sapori troppo invadenti ma neanche troppo delicato: da provare….

Ingredienti:

-g.50 burro

- 1 cipolla

-olio evo

-g.400 salmone affumicatolasa salmone

-1 bicchiere di vino bianco

-1 bottiglia di pomodoro

-g.300 mozzarella

-g.200 provola affumicata

-parmigiano q.b.

-g.600 besciamella

-g.250 pasta per lasagna

 

Prepariamo la besciamella con il burro, il latte e la farina.

Se usate lasagne precotte questo passo non è necessario, differentemente dovrete far cuocere la pasta in un altra pentola.

In un altro tegame facciamo soffriggere una piccola cipolla in una noce di burro e un cucchiaio di olio evo. Aggiungiamo il salmone sminuzzato. Poi lo facciamo sfumare con un bicchiere di vino bianco. Aggiungiamo il pomodoro passato. Lasciamo restringere il sugo e aggiustiamo di sale.

lasag salmoneAggiungiamo al sugo freddo la besciamella.

Prendiamo mozzarella e provola e ne facciamo cubetti.

A questo punto componiamo la lasagna: per prima cosa imburriamo la teglia. Poi poniamo  strati di pasta, salsa, mozzarella e provola in cubetti e parmiggiano.

 

 

 

Mettiamo la teglia nel forno a 180°per 30-40 minuti circa.  5 minuti prima della fine del tempo di cottura accendiamo il grill per creare una crosticina dorata, poi spegniamo e leviamo la teglia dal forno.

Per gustare al meglio le lasagne al salmone è opportuno lasciarle riposare per un quarto d'ora  dopo la cottura, in modo che tutto il composto si ricompatti e sia più facile anche fare le porzioni.

A questo punto degustatele, possibilmente in compagnia, con una buona bottiglia . Il proverbio dice "Un pesce deve nuotare tre volte: la prima nell'acqua, la seconda nell'olio e la terza nel vino", noi ci abbiamo messo a fare compagnia un rosato salentino che ci stava proprio bene…. 


 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>