Puglia,Altamura : i capunti al finocchietto selvatico con pancetta

In questo periodo dell'anno facendo una passeggiata nei campi vediamo affiorare qua e la una piantina poco appariscente dai rami che diventano delle foglie tubulari sottilissime, come dei capillari : stiamo parlando More »

Cannonau di Sardegna

la Sardegna è una regione splendida, la seconda isola del Mediterraneo, una bella porzione di terra  attorniata da uno dei mari più belli che si possano solo immaginare, chilometri e chilometri  di coste More »

Puglia , Altamura:Polpette di pane

Quando ho pensato di fare Italiano e genuino avevo in mente un blog che presentasse gli aspetti più "popolari" della cucina tradizionale proponendo piatti umili perchè i nostri nonni faticavano a dare da More »

Tagliatelle dolci al forno

La cucina di un tempo era fortemente legata al ciclo delle stagioni, alle feste religiose, alla terra e al sole. Era ricca di sapori forti e vari: quella quotidiana era misurata e frugale, più ricercata e fantasiosa quella More »

Rognone al vino rosso

Quando ero bimbo, ahimè tanti anni fa, si faceva largo uso del "quinto quarto" ovvero tutto ciò che tra frattaglie e tagli di seconda scelta si recuperava dalla macellazione dell'animale. E cosi More »

salumi equini

Abbiamo parlato dei salumi di carne di pollame cosi come quelli di carne ovina, ora parliamo, udite udite, di salumi di carne equina. E' un pò lontano dall'usuale che si facciano salumi con animali More »

 
zuppa cavoletti baccala

Lazio,Velletri: zuppa di cavoletti col baccalà

Zuppa di cavoletti e baccalàzuppa cavoletti baccala

 

 Dopo giorni di raccolta delle olive, stanchi e infreddoliti, perchè nel passato anche recente si raccoglieva con i primi freddi, finalmente arrivava il primo olio, fragrante, d'un colore meraviglioso, con odori di oliva ma anche di erba, di fruttato,di mandorle, di buono

Cappelllwio

Marche -Emilia Romagna:cappelletti in brodo di cappone

Cappelletti in brodo di cappone

cappeI cappelletti sono il piatto indispensabile del pranzo di Natale della mia famiglia.

E' una pasta ripiena a cui si da la forma di un piccolo cappello a falda larga.

DSC_0242

Napoli: insalata di rinforzo

L'insalata di rinforzo fa parte della tradizione gastronomica natalizia napoletana e ha alle spalle una storia antica.  Sicuramente in primis incuriosisce il nome:perchè mai si chiama insalata di rinforzo?

20151216_170940

Lazio:Castelli romani: biscotti alle nocciole

Biscotti alle nocciole

Tra le preparazioni tipiche del periodo nella zona dell'Italia centrale ci sono questi deliziosi biscottini, una preparazione semplice, abbastanza facile da realizzarsi e che si accompagnano bene alle occasioni conviviali delle feste natalizie.

dolcetti nocciole cioccolato

Dolcetti al cioccolato e riso soffiato

Dolcetti al cioccolato e riso soffiato
 
Tra i tanti dolcetti che si preparano per le feste natalizie il cioccolato e la frutta secca tradizionalmente occupano sempre un posto di protagonisti. 

cardone beneventano

Campania,Benevento: il cardone beneventano

IL CARDONE BENEVENTANO

Benevento, arco di Traiano

Benevento, arco di Traiano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il primo piatto tradizionale del pranzo natalizio di Benevento è il cardone beneventano. 

Si tratta di una preparazione dalle origini umili,  tipica della città campana, di cui esistono anche la variante molisana e abruzzese. 

20151206_135728b

Marche: la dindarella ripiena al forno

20151206_135728bDindarella ripiena al forno

IMG_1711

tavola del Natale nella tradizione

presepeSi avvicina il Santo Natale, momento di festose riunioni familiari nel calore delle nostre case tradizionalmente addobbate con alberi carichi di variopinte palline e luci, il presepe e quant'altro nel rispetto  delle consuetudini delle varie famiglie. A casa mia, quando ero un bambino, mia madre mi portava al parco dove raccoglievamo qualche pigna che avremmo decorato per farne il centrotavola per Natale. E lì iniziava la festa, i preparativi, quell'aria festosa e un po' magica fatta di stare insieme, qualche gioco natalizio, i dolci e poi i regali e niente scuola…..

 Iniziano dunque i preparativi per  la cena della vigilia e il pranzo di Natale. Sono molte e varie le pietanze tradizionali che accompagnano le festività sulle tavole nelle nostre case in funzione della regione e delle consuetudini familiari. Con i prossimi articoli Italiano e genuino intende presentare alcune pietanze tradizionali del Natale. Come nello spirito del sito non proporremo sontuose portate con ingredienti esotici che, pur ottimi, non appartengono alla nostra storia popolare.

 Naturalmente il salotto virtuale di Italiano e genuino  è sempre aperto a tutti: ha tra gli scopi principali della sua esistenza il riunire gli apporti di tutti gli appassionati alla cucina tradizionale e, pertanto, saremo ben lieti di accogliere i contributi di chiunque voglia condividere notizie,preparazioni o costumi enogastronomici natalizi della propria regione o famiglia.

IMG_1711


 

Pangiallo

Lazio,Castelli romani: il pangiallo

Quando arriva Natale ai castelli romani tutte le vetrine delle pasticcerie e dei forni espongono le formelle di pangiallo, un dolce antico che solo a guardarlo si prendono calorie, ma è talmente buono che non esiste un Natale senza Pangiallo.

98

San Giovanni D’Asso. Toscana,Tartufo bianco e Pera Picciola

Le sorprese gradite, in quanto tali, sono un bello sprone a vivere bene la vita, specialmente se sono molteplici in una giornata. E cosi qualche tempo fa mi telefona una cara amica, con cui condividiamo la passione per l'arte, invitandoci a un non meglio precisato giretto col ciuf ciuf da Grosseto a un paesino in provincia di Siena. 46463318_1946441328996133_1163685697672970240_nAvendo nelle mie reminescenze fanciullesche una passione per i treni a vapore con mia moglie abbiamo accettato senza neanche pensarci. E cosi, in una fredda mattina di Novembre ci siamo recati alla stazione di Grosseto dove, dopo un pochimo, è arrivato il gioiello: una locomotiva a vapore Breda del 1918 con tutte le vetture di terza classe, le centoporte, quelle che dentro avevano le panche di legno per i viaggiatori più poveri…Pensate di me ciò che volete : ho avuto un sussulto dall'emozione, era vero ed era li per noi…non ci potevo credere. Insomma, per farla breve ci siamo imbarcati nell'entusiasmo generale il treno è partito sbuffando e facendo immense nuvole di vapore acqueo e residui di carbone con buona pace della mia anima ambientalista messa per il momento a tacere.