Puglia:Riso patate e cozze

taiedda

Oggi vi presentiamo un piatto di cui io sono più che goloso e la cara amica Mea di Bari, che conosce questa mia debolezza per il riso patate e cozze, ha voluto taieddadocumentare tutta la preparazione di questa squisitezza. Un consiglio? Fatela abbondante perchè i vostri convitati ve ne chiederanno ancora e ancora….

Questa specialità barese essendo basata sul riso viene assimilata da qualcuno alla Paella e se ne parla come di un retaggio del passaggio degli spagnoli.

 L'ipotesi è plausibile, ma il condimento alla barese è decisamente legato alla più antica tradizione pugliese dal momento che si adoperano ingredienti tradizionali di questa regione.
Questa pietanza viene chiamata con il termine tiella che deriva dalla parola tieèd che, nel dialetto barese, significa tegame. Infatti, tutti gli ingredienti da comporre sono sapientemente sistemati nei tegami da mettere in forno prima di rifinire ulteriormente il condimento. La tiella barese è talmente ricca che può certamente essere proposta come gustoso piatto unico .
taied

Peraltro, diciamola tutta,  la tiella è considerata tipica della città di Bari ma viene proposta secondo la tradizione locale o propria di ogni famiglia, un pò in tutta la Puglia, nel salento  si chiama "Taieddha". 

Ingredienti :

- kg 1 di cozze mezze sgusciate.

- 250g di riso .

- 4 patate.

- Olio EVO .

- 1 cipolla media.

- Pecorino grattugiato .

- 4 pomodorini

 – sale.

 

ca

 

 

 

 

 

In una piccola teglia versare un filo di olio e ricoprire con le cipolle tagliate a rondella

 

 

cat

 

 

 

Tagliare finemente le patate e fare uno strato

 

 
 
 
 
 
 
 
catt
Aggiustare di sale. Ricoprire con le cozze mezze sgusciate
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
cattuEd ora mettere il riso che prima va amalgamato con il formaggio,il sale, i pomodorini e l'olio.
 
Quindi versarlo sulle cozze.
Aggiungere altro olio e ricoprire con acqua
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
cattur
 
 
Ultimo strato è di patate e per finire altro pecorino. 
 
 
 
 
 
 
 
 
Quindi infornare per circa tre quarti d'ora a 190 gradi. Servire non troppo caldo.
 
Buon appetito e grazie all'amica Mea per la ricetta e le foto !
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>