Category Archives: itinerari

02-corinaldo

Marche: ferragosto corinaldese

CorinaldoFerragosto, occasione di riunioni conviviali con parenti e amici……e se a ferragosto hai un amico di Corinaldo che ti invita a mangiare a casa sua, puoi stare tranquillo che ti proporrà quelle delizie che nelle Marche sono la norma, e insieme  quella carica di voglia di stare assieme in allegria che è caratteristica un pò di tutti gli italiani, ma dei marchigiani in particolare,,,,,

20150914_203749

Salento cena salentina

 

Qualche giorno fa siamo stati ospiti di una fattoria che ha pochi tavoli e una ottima cucina, vale a dire non qualcosa che si definisce agriturismo servendosi alla grande distribuzione come tristemente accade…..

scalone

Campania,Caserta

reggia_di_casertaparcoCaserta fu scelta dal Re Carlo di Borbone come il luogo su cui sarebbe sorta una Reggia paragonabile alla Reggia di Versailles per bellezza e dimensioni: tutt’intorno a Caserta, dove poi andò ad abitare il piccolo Ferdinando, la famiglia reale ristrutturò e costruì una miriade di Chiese, palazzi e punti oggi di interesse storico che sono raggruppati in questo itinerario.

caprettoalfornoallacasertana

Campania,Caserta:Capretto al forno alla Casertana

Capretto al forno alla Casertanacaprettoalfornoallacasertana

 

·         Capretto 1kg

·         Pomodori freschi e pelati 400gr

·         Patate 1kg

·         Rosmarino 1rametto

·         Vino bianco secco 1 bicchiere

·         Olio extravergine d’oliva 3 cucchiai

·         Sale e pepe quanto basta

 

Tagliate a pezzi il capretto e mettetelo in un ruoto(teglia) con le patate a tocchi grossi, la cipolla affettata, i pomodori, il rosmarino, il vino, l’olio, il sale ed il pepe. Infornate a 200° per un ora circa, rigirando la carne e i vegetali dopo mezz’ora.

Articolo fornito da :visitcaserta.net


 

settembrealborgo

Campania,Caserta: nuovi itinerari e ricette

casertavecchia1

Borgo Medievale di Caserta Vecchia

Casertavecchia è un borgo medievale risalente al IX secolo che sorge alle pendici dei monti Tifatini a circa 401 metri di altezza e a 10 km di distanza in direzione nord-est da Caserta. 11710-cattedraleIn epoca medievale costituì il centro di quella che oggi è la moderna città di Caserta. Dal 1960 è tra i monumenti nazionali italiani.

20150312_175941

Campania,Caserta:’E pall e riso

'E pall e riso

 

ingredienti:

 

600 gr di riso20150312_175941

6 uova

pangrattato

200 gr parmigiano grattugiato

200 gr prosciutto cotto

200 gr di salame napoletano a cubetti

300 gr di provola affumicata

sale e pepe q.b

  

Cuocete il riso, scolatelo, mettetelo in un contenitore con del pepe ed il parmigiano, e mescolate.  

Posizionate il riso nel palmo della mano e formate delle … e disponete il prosciutto, il salame e la provola. Chiudete ogni palla di riso con cura, formando una pallina grande quanto una mela. Passate le palle di riso ripiene nell’uovo battuto e poi nel pangrattato.

Ora immergete nell’olio bollente per pochi secondi, il tempo di far indorare gli arancini al punto giusto!

 

Articolo fornito da visitcaserta.net


 

 
 

 

 

 

 

 

 

melanzane2

Campania,Caserta:MELANZANE A FUNGETIELLE

 MELANZANE A FUNGETIELLE

 

Ingredienti:

Melanzane 800 g

Pomodori freschi o a pezzetti 350 g

Aglio 2 spicchi

Basilico tritato mezzo cucchiaio

Olio Extravergine d’oliva 2 cucchiaimelanzane

Olio di semi per frittura

Preparazione:

Pulite le melanzane e tagliatele a dadini, friggetele in olio abbondante, ponendole via via ad asciugare su un foglio di carta paglia. A parte, soffriggete l’aglio in una padella con olio e, appena l’aglio sarà imbiondito, versatevi i pomodori a pezzetti. Quando la salsetta sarà ben cotta, aggiungetevi il basilico e le melanzane fritte, conditele con il sale e fate cuocere ancora per 5 minuti.

Abbellire con basilico fresco. 

Articolo fornito da :visitcaserta.net



IMG-20200515-WA0011

Clafoutis alle pere.

ll nome del clafoutis sembrerebbe provenire dall'incrocio del verbo latino "clavum figere" che significa "conficcare un chiodo" nel senso di riempire, o di un derivato in francese antico del verbo "foutre", "mettere, ficcare"originario del Limosino (la regione francese di Limoges in occitano Limòtges).

Il Clafoutis è un dolce cotto al forno composto tipicamente da ciliege affogate in un impasto dolce. Ne esistono molte varianti con vari tipi di frutta, con aggiunta di frutta secca o cioccolato, ma anche versioni salate che vedono verdura cotta al posto della frutta. Ancora una variante vede l'utilizzo di pane vecchio senza crosta bagnato nel latte e castagne lesse al posto dell'impasto, un piatto della cucina povera insomma.IMG-20200515-WA0010

Esistono valli del Piemonte dove esistono delle popolazioni occitane e dove possiamo trovare in Italia il Clafoutis.

L'amico Umberto, farmacista con il cuore diviso tra la storia,la pittura e la cucina, ci ha proposto questo dolce relativamente semplice da realizzare e, mi dicono, delizioso. 

Pisa, Toscana: la Cecina

Ricetta della cecina

 Gustosa e facilissima a farsi, la Cecina toscana è una ricetta della tradizione, un piatto del popolo ricca di gusto e di storia, si tratta di una torta molto sottile a base di ceci che viene servita a fette con tanto pepe. 

 L’ho conosciuta ed assaggiata per la prima volta a Pisa, in un locale del corso che poi è diventato una tappa obbligata. A Pisa, cosi come a Viareggio, la Cecina si usa consumarla semplice, un pezzo preso dal testo in un pezzo di carta, o in mezzo a una focaccia o schiacciata all’olio. La Cecina si ritrova comunque lungo tutto la costa toscana, dalla Maremma in provincia di Livorno fino alla Versilia, mentre nella zona di Massa e di Carrara, avvicinandosi alla Liguria, si usa consumarla con del rosmarino.Viene cotta, tipicamente, seguendo la tradizione, in un testo rotondo di rame stagnato dal diametro di almeno 30 cm, o una piastra di ghisa, e poi servita a spicchi con pepe nero, caldissima. Perfetta da gustare assieme a formaggi ma anche a sott'olio così da esaltare il sapore dei ceci.

Le origini della Cecina sono motivo di contesa tra pisani e livornesi, se mai ce ne fosse bisogno, comunque un piatto antico diffuso anche oggi in Toscana con nomi diversi nell’arco di pochi chilometri e la cui origine è comunque contesa anche tra la Liguria e la Toscana.
btv1

Maglie, Salento: il pastificio Cavalieri

pasta cavalieriChi segue questo sito sa che non facciamo pubblicità, nè vendiamo alcunchè; però quando troviamo nelle nostre peregrinazioni enogastronomiche realtà che ci colpiscono le presentiamo per condividere il nostro entusiasmo, ma anche per l'orgoglio di far conoscere chi rappresenta l'eccellenza dell'italiano e genuino nel mondo.