Category Archives: Contorni

Velletri

Lazio,Castelli romani: la Velletrana

VelletriQuando arrivano i peperoni,  le zucchine e le melanzane  la cucina vede nuovi protagonisti. Oggi vi voglio proporre un piatto che ha un nome evocativo di vigneti , olivi e orti : la Velletrana.

Radicchio alla carolina

Il radicchio è un ortaggio che noi a casa consumiamo spesso , normalmente alla piastra o in padella , con la pasta o il risotto. Spesso, quando ci sono le pere, con scaglie di parmigiano e noci si fa un ottima insalata. Oggi vi vogliamo proporre un contorno minimale, una semplicissima maniera di dare più charme a una semplice insalata di radicchio.

melanzane2

Campania,Caserta:MELANZANE A FUNGETIELLE

 MELANZANE A FUNGETIELLE

 

Ingredienti:

Melanzane 800 g

Pomodori freschi o a pezzetti 350 g

Aglio 2 spicchi

Basilico tritato mezzo cucchiaio

Olio Extravergine d’oliva 2 cucchiaimelanzane

Olio di semi per frittura

Preparazione:

Pulite le melanzane e tagliatele a dadini, friggetele in olio abbondante, ponendole via via ad asciugare su un foglio di carta paglia. A parte, soffriggete l’aglio in una padella con olio e, appena l’aglio sarà imbiondito, versatevi i pomodori a pezzetti. Quando la salsetta sarà ben cotta, aggiungetevi il basilico e le melanzane fritte, conditele con il sale e fate cuocere ancora per 5 minuti.

Abbellire con basilico fresco. 

Articolo fornito da :visitcaserta.net



frittat

Veneto, Tonezza del Cimone:Erbe di campo

Rimanendo nel tema del cibo dai campi mi sono state mandate altre idee da proporvi.  Dunque ecco altre due ricettine rustiche della tradizione contadina con le erbette selvatiche di campo o, per dirla in maniera dotta con Tarassacola fitoalimurgia. Chi ce le propone è una veneta, l'amica Paola di Tonezza del Cimone, ma in molti mi dicono che preparazioni simili sono in realtà diffuse un pò ovunque nella penisola e fanno parte della storia del nostro popolo, di quando, in mancanza di meglio, ci si impegnava a trovare cibo ovunque la natura ne potesse offrire. Vi proponiamo dunque una frittata con l'erba Selene , ovvero gli Sgrisoli accompagnata da un contorno di "Pisacan" , ovvero Tarassaco cotto al vapore di cui non vi offro che l'idea (sono sicuro che non vi serva una ricetta su come cuocere al vapore della verdura).

La terza idea viene dall'Umbria: l'amico Paolo di Gubbio mi suggerisce un antipastino con una ricettina minimale in cui non indica le quantità e ahimè non acclude foto,
      -Fiori di sambuco fritti:

     preparare un uovo sbattuto con sale acqua e farina .
     Immergere i fiori non ancora sbocciati e friggere nell'olio bollente.

    Quando saranno belli dorati, scolateli con la schiumarola, fateli asciugare con della carta assorbente e serviteli subito ben caldi.

Non c'è che dire, si scopre sempre qualcosa di buono….da sperimentare quanto prima!

 

Tarassaco al vapore

Tarassaco al vapore


 

DSC_0484

insalata di carciofi

In questo periodo dell' anno troviamo degli ottimi carciofi a prezzi molto convenienti e visto che, oltre ad essere buoni sono molto salutari, perchè non approfittarne? Oggi vi proponiamo un contorno velocissimo : l'insalata di carciofi.

Scarole-alla-napoletana

Napoli: la scarola alla napoletana

Scarola alla napoletana

Per quattro persone prendiamo 500 grammi di scarola pulita e leggermente grondante d’acqua la poniamo in una padella a fuoco basso e la facciamo ridurre di volume.

Scarola padella

DSC_0242

Napoli: insalata di rinforzo

L'insalata di rinforzo fa parte della tradizione gastronomica natalizia napoletana e ha alle spalle una storia antica.  Sicuramente in primis incuriosisce il nome:perchè mai si chiama insalata di rinforzo?

pasta melanzane

Pasta con le melanzane

pasta melanzanePasta con le melanzane fritte

Le mele insane, come le chiamarono i primi botanici che videro questi ortaggi, non avrebbero mai potuto ipotizzare che sarebbero state elaborate, sopratutto nel sud del  meraviglioso stivale in cui abitiamo, in piatti stupendi , succulenti, gustosi e chi più ne ha più ne metta. La pasta con le melanzane ha origini siciliane e questa non ha la pretesa di essere la ricetta originale visto che ne esistono moltissime varianti, tutte ottime.

Sicilia:caponata alla siciliana

caponata con tonnoLa Caponata è uno di quei piatti appetitosi, che ti fanno venire l'acquolina in bocca e ti fanno correre la mente verso immagini di Sicilia, mare e giornate estive……

lampasciuni

Puglia: i lampascioni

lampascioni

I lampascioni detti anche Pampasciuni , sono  un lontano parente dell’aglio e dei gigli anche se si ha qualche difficoltà a credersi. Questa pianta selvatica cresce anche in altre parti d’Italia, ma solo nelle murge e in salento viene considerato una leccornia. Vengono raccolti tra le pietre da esperti raccoglitori che, dopo averli individuati, devono scavare a fondo nel duro terreno per poterli estrarre integri. Poi per renderli commestibili c’è ancora un lungo lavoro : pulitura, attraverso spazzolatura e vari cicli di lavaggio; pelatura; trattamento per l’attenuazione dell’amaro  con vari risciacqui.lampasciuni

Ottimo contorno se consumati lessi con olio e pepe, tradizionalmente venivano cotti in campo sotto la cenere. Vengono utilizzati anche in varie altre forme, come frittate o uniti all’agnello al forno con patate come tradizione salentina.   agnello lampascioni