Category Archives: Una gita…

02-corinaldo

Marche: ferragosto corinaldese

CorinaldoFerragosto, occasione di riunioni conviviali con parenti e amici……e se a ferragosto hai un amico di Corinaldo che ti invita a mangiare a casa sua, puoi stare tranquillo che ti proporrà quelle delizie che nelle Marche sono la norma, e insieme  quella carica di voglia di stare assieme in allegria che è caratteristica un pò di tutti gli italiani, ma dei marchigiani in particolare,,,,,

20150914_203749

Salento cena salentina

 

Qualche giorno fa siamo stati ospiti di una fattoria che ha pochi tavoli e una ottima cucina, vale a dire non qualcosa che si definisce agriturismo servendosi alla grande distribuzione come tristemente accade…..

scalone

Campania,Caserta

reggia_di_casertaparcoCaserta fu scelta dal Re Carlo di Borbone come il luogo su cui sarebbe sorta una Reggia paragonabile alla Reggia di Versailles per bellezza e dimensioni: tutt’intorno a Caserta, dove poi andò ad abitare il piccolo Ferdinando, la famiglia reale ristrutturò e costruì una miriade di Chiese, palazzi e punti oggi di interesse storico che sono raggruppati in questo itinerario.

caprettoalfornoallacasertana

Campania,Caserta:Capretto al forno alla Casertana

Capretto al forno alla Casertanacaprettoalfornoallacasertana

 

·         Capretto 1kg

·         Pomodori freschi e pelati 400gr

·         Patate 1kg

·         Rosmarino 1rametto

·         Vino bianco secco 1 bicchiere

·         Olio extravergine d’oliva 3 cucchiai

·         Sale e pepe quanto basta

 

Tagliate a pezzi il capretto e mettetelo in un ruoto(teglia) con le patate a tocchi grossi, la cipolla affettata, i pomodori, il rosmarino, il vino, l’olio, il sale ed il pepe. Infornate a 200° per un ora circa, rigirando la carne e i vegetali dopo mezz’ora.

Articolo fornito da :visitcaserta.net


 

settembrealborgo

Campania,Caserta: nuovi itinerari e ricette

casertavecchia1

Borgo Medievale di Caserta Vecchia

Casertavecchia è un borgo medievale risalente al IX secolo che sorge alle pendici dei monti Tifatini a circa 401 metri di altezza e a 10 km di distanza in direzione nord-est da Caserta. 11710-cattedraleIn epoca medievale costituì il centro di quella che oggi è la moderna città di Caserta. Dal 1960 è tra i monumenti nazionali italiani.

zitoniripieniallacasertana

Campania, Caserta: Zitoni alla casertana

Ingredienti:

Zitoni 400g

Sugo di carne in bianco

Carne di maiale tritata 400g

Salame napoletano 100g

Caciocavallo secco grattugiato guanto basta

Sugna 100g

1 cipollina tritata

1 pizzico di noce moscata

2 uova

Sale

Pepe

Pangrattato

Sicilia:Cioccolato di Modica

La storia del cioccolato di Modica è interessantissima perchè unisce il vecchio continente e il nuovo e gli attori protagonisti sono i cioccolatieri modicani, i conquistadores spagnoli di  Hermes Cortes e nientepopodimeno che gli atzechi, gli antichi abitanti del Messico. I guerrieri spagnoli arrivarono nel nuovo mondo e scoprirono una quantità enorme  di piante, animali ma anche  di generi alimentari tra i quali il xocoàtl  (XOCO=AMARA, ATL=ACQUA), un prodotto energetico ricavato dai semi di cacao. Nella cultura di questo straordinario popolo il cacao ricopriva un ruolo decisamente rilevante, veniva infatti considerato cibo tonificante, valore economico, emblema di alto livello sociale nonchè efficace medicamento.

frittat

Veneto, Tonezza del Cimone:Erbe di campo

Rimanendo nel tema del cibo dai campi mi sono state mandate altri spunti intriganti da proporvi.  Dunque ecco altre due ricettine rustiche della tradizione contadina con le erbette selvatiche di campo o, per dirla in maniera dotta con Tarassacola fitoalimurgia. Chi ce le propone è una veneta, l'amica Paola di Tonezza del Cimone, ma in molti mi dicono che preparazioni simili sono in realtà diffuse un pò ovunque nella penisola e fanno parte della storia del nostro popolo, di quando, in mancanza di meglio, ci si impegnava a trovare cibo ovunque la natura ne potesse offrire. Vi proponiamo dunque una frittata con l'erba Selene , ovvero gli Sgrisoli accompagnata da un contorno di "Pisacan" , ovvero Tarassaco cotto al vapore di cui non vi offro che l'idea (sono sicuro che non vi serva una ricetta su come cuocere al vapore della verdura).

La terza idea viene dall'Umbria: l'amico Paolo di Gubbio mi suggerisce un antipastino con una ricettina minimale in cui non indica le quantità e ahimè non acclude foto,
      -Fiori di sambuco fritti:

     preparare un uovo sbattuto con sale acqua e farina .
     Immergere i fiori non ancora sbocciati e friggere nell'olio bollente.

    Quando saranno belli dorati, scolateli con la schiumarola, fateli asciugare con della carta assorbente e serviteli subito ben caldi.

Non c'è che dire, si scopre sempre qualcosa di buono….da sperimentare quanto prima!

 

Tarassaco al vapore

Tarassaco al vapore


 

frittat

Veneto,Tonezza del Cimone: frittata di sgrisoli

-6 uova

-250 gr di Sgrisolisgrisolii

-200g cipolle (o 2 capi di porro)

-6 cucchiai di olio extravergine di oliva

-Sale e pepe qb

In una padella capiente facciamo soffriggere la cipolla tagliata a fettine (ma se avete del porro meglio) in un pò di olio.Mettiamo un pizzico di sale, copriamo con  un coperchio e lasciamo cuocere a fuoco dolce per un quarto d'ora. 

Nel frattempo, sbattiamo le uova con un pizzico di sale(attenzione:abbiamo già salato le cipolle).

Aggiungiamo abbondante pepe appena macinato.
Quando la cipolla sarà cotta, uniamo alle uova e mescoliamo per amalgamarle.
Una volta che saranno bene amalgamate, versiamo tutto a cuocere in padella.

Dovremo poi rivoltare il tutto usando un piatto o un coperchio grande quanto la padella sopra la frittata; giriamo sottosopra la padella e rimettiamo la frittata a cuocere facendola scivolare delicatamente dal piatto alla padella.frittat

 

 

risotto sgrisoli

Veneto,Tonezza del Cimone: Risotto con gli Sgrisoli

Risotto con gli sgrisolisgriso

La carissima Paola di Tonezza del Cimone, ci ha fatto un regalo:  ha mandato un paio di ricette di quelle che fanno i montanari, profondi conoscitori di ciò che la natura ci offre nelle varie stagioni. Un piatto gustoso, da intenditori, realizzato con erbe che difficilmente potrete trovare nei banconi del fruttivendolo ma potrete cogliere nei campi con l'occasione di una gita fuori porta.